Bitfury per vendere la sua quota del 38% in Bitcoin Miner Hut 8

Il produttore di hardware per l’industria mineraria Bitcoin, Bitfury, ha presentato istanza di vendita della sua rimanente partecipazione del 38% nella società mineraria Hut 8, quotata alla Borsa di Toronto.

Il produttore con sede ad Amsterdam ha presentato un avviso di intenzione di distribuire titoli il 3 dicembre per la vendita di 37.226.958 azioni della Hut 8. Ai prezzi attuali, la partecipazione vale 56,6 milioni di dollari.

Fino a settembre, Bitfury ha detenuto oltre 40 milioni di azioni quando si è separata da un iniziale 4 milioni di azioni HUT al prezzo di 0,94 dollari ciascuna come pagamento per „un accordo commerciale strategico con una terza parte“, come da comunicato stampa.

La Hut 8 ha attualmente 96,73 milioni di azioni in circolazione. Negoziando a 1,52 dollari all’ultimo controllo, le azioni sono scese del 12% a dicembre.

Il deposito di Bitfury non specifica se prevede di vendere le azioni privatamente o tramite uno scambio. La capanna 8 si è rifiutata di commentare il deposito, e Bitfury non ha risposto alla richiesta di commento di CoinDesk.

Hut 8 e Bitfury si sono associate per la prima volta nel dicembre 2017 per il lancio dei centri dati minerari Bitcoin (BTC, +0,44%) in Nord America. All’epoca, l’allora direttore generale dell’Hut 8, Sean Clark, si riferiva alla sua società come „un rappresentante di Bitfury in Nord America“.

Ma ora non lo è più.